links

XXVI BATTAGLIONE CARABINIERI: è un sito volto alla ricostruzione della storia di un battaglione di carabinieri facente parte della Divisione Vicenza.

TAPPE DI UN MARTIRIO: gruppo facebook di discussione sugli eventi della Divisione Vicenza, curato da Giovanni Duina.
 
CAMPAGNA DI RUSSIA: strumento di gestione dell’informazione riguardante la Campagna di Russia nei suoi vari aspetti reindirizzando quando necessario verso altri siti e gestendo all’interno del sito solo i contenuti sviluppati dagli autori.

UNIRR: Unione Nazionale Italiana Reduci di Russia. Il sito ufficiale.
 
PONTIERI: questo sito vuole raccogliere tutte le testimonianze possibili relative alla specialità dei pontieri, ma è aperto ad un più ampio progetto di divulgazione sulla campagna di Russia, vista soprattutto dai protagonisti sul campo.
 
CENTOVENTESIMO: sito nato per raccogliere le informazioni sul 120° Reggimento Artiglieria Motorizzato, si propone come punto di partenza per dare voce a chi ha vissuto o vive (per studi o per ricerche e ricordi) la Campagna di Russia, confrontando e approfondendo i diversi aspetti ad essa legati.

Военные мемориалы: l'associazione russa dei "Memoriali Militari" che si occupa, tra le altre cose di fornire informazioni dettagliate sulla prigionia dei nostri soldati. N.B.: sito in lingua russa.
 
LETTERE DAL DON: dopo vent'anni dalla pubblicazione di "Armir sulle tracce di un'esercito perduto", Pino Scaccia si occupa di nuovo dei nostri soldati al fronte russo con questo blog, in attesa della pubblicazione suo nuovo volume "Lettere dal Don".
 
NIZZA CAVALLERIA: sito del museo del museo storico dell'Arma di Cavalleria di Pinerolo.
 
MEMORIALE CUNEENSE: Il Memoriale della Divisione Alpina Cuneense ha l'obiettivo di recuperare la memoria degli Alpini che vennero reclutati nella Cuneense per lasciare una traccia indelebile a ricordo di una generazoine sacrificata. 
 
DIVISIONE SFORZESCA: lo scopo è quello di riunire familiari di reduci, caduti o dispersi della Divisione Sforzesca, che operò sul fronte Russo tra 1942 e 1943. L'obiettivo è quello di ricostruire le vicende di questo sfortunato reparto attraverso le storie di chi vi appartenne e, portando le mostrine biancoverdi, visse i drammatici giorni dell'estate e dell'inverno russo.